La Riviera del Conero La Riviera del Conero La Riviera del Conero
Tipologia
Località


La Riviera del Conero Giro ad Ancona, dalla Mole alla spiaggia cittadina

Escursioni AnconaTutta abbracciata al grande porto, Ancona è una città dai ritmi vivaci, con bei negozi, piazze animate e tesori d’arte da scoprire. E in più la strada panoramica del Conero, che la collega alle località della riviera, è un susseguirsi di scenari che soli valgono il viaggio. Arrivati in città, il consiglio è raggiungere al porto la Mole Vanvitelliana, costruzione pentagonale opera dell’architetto Luigi Vanvitelli, che ospita tutto l'anno mostre d'arte, iniziative culturali e musicali. Proseguendo dalla Mole verso il centro della città si arriva al teatro delle Muse.Questo bell’edificio dalla facciata neoclassica, riaperto di recente dopo una lunga opera di restauro, accoglie ogni estate l'Ancona Jazz Summer Festival,con un cartellone ricco di eventi e nomi di fama internazionale .Da qui partono le vie dello shopping: corso Garibaldi, corso Mazzini e piazza Roma. Qui, tra la fontana delle Tredici Cannelle e i tavolini dei locali all’aperto, si può fare incetta di prodotti tipici e di vini marchigiani, dal Rosso Conero alla Lacrima di Morro d'Alba, dalla Vernaccia di Serra Petrona al Verdicchio dei Castelli di Jesi. Ottima è infatti la cucina dove sapori di terra e di mare si fondono in ricette semplici e genuine.Molto apprezzato è lo stoccaffisso all’anconetana, con erbe aromatiche, filetti di pomodoro e patate. Prima di lasciare la città è d’obbligo salire in cima al colle Guasco, dove si trova la Cattedrale di San Ciriaco. Una delle più belle chiese medievali delle Marche, per la pianta a croce greca, il bel portale romanico- gotico e la cappella della Madonna con l’ altare settecentesco di Luigi Vanvitelli. Il colle regala, inoltre, una magnifica vista sulla città, sul porto e sull’Arco di Traiano, solitario e suggestivo ricordo di epoca romana. Altro punto panoramico da non perdere è il Passetto, una zona verde a picco sul mare da dove si raggiunge l’animata spiaggia cittadina.

La Riviera del Conero Romanico nella Riviera del Conero

Escursioni RomanicoDi rara e unica bellezza sono le Chiese di epoca romanica,che si trovano nella riviera del Conero. Ad esempio Sulla sommità del monte Conero, dove lo sguardo ha un’ampia veduta sul porto di Numana e la costa di Marcelli, sorge l’abbaziale di San Pietro con i resti dell’antico monastero benedettino. Il complesso, di cui si ha notizia nel 1038, ha sofferto molte distruzioni, anche durante l’ultima guerra.La facciata, frutto di un restauro settecentesco, s’innesta nel corpo di fabbrica medievale visibile nel fianco destro ritmato da lesene e archetti pensili. In corrispondenza della torre campanaria vi è un portale, tamponato, con paraste decorate da un elegante tralcio abitato da uccelli mentre nella lunetta conserva un’iscrizione frammentaria che fa memoria della ricostruzione della chiesa ultimata nel 1203.Scendendo poi dal monte Conero ,ci dirigiamo verso Portonovo passando per la strada provinciale del Conero,dalla quale si notano scorci di panorama suggestivi che meritano delle soste.Scendendo poi verso le spiagge di Portonovo,si arriva alla Stupenda costruzione che è Santa Maria di Portonovo:si tratta di un gioiello romanico immerso nel verde, un punto di passaggio obbligato per chi studia arte e non solo.Perfettamente inserita nel paradiso naturale del Monte Conero, questa chiesa sovrasta la scogliera di bianco calcare su cui è arroccata. In armonia con l'ambiente circostante, parzialmente nascosta nel verde, è un vero e proprio gioiello dell'architettura romanica, realizzato in blocchetti lavorati di calcare del Conero.La pianta a croce greca è divisa in cinque navate, la cupola risulta divisa in due parti, il tiburio e il tamburo sono quadrati, la principale fonte di luce è rappresentata dalle caratteristiche bifore.
Risalendo da Portonovo e dirigendosi verso Ancona città troveremo la terza Chiesa di epoca romanica della riviera del Conero ,ovvero Santa Maria della Piazza.Questa fu edificata intorno al XI - XII secolo sulle rovine di due chiese paleocristiane, rappresenta una testimonianza dell'Ancona medioevale. Si tratta di una perla di architettura romanica a pianta rettangolare con uno schema a croce latina ed è divisa in tre navate. Il portale, ricco di ornamenti, colpisce per il movimento ed il fine intreccio delle arcatelle e dei polastrini.

La Riviera del Conero Escursione Sirolo-Numana (arte storia cultura)

Entrata sud SiroloPer gli amanti della storia e della cultura la riviera del Conero rappresenta una zonasuggestiva e ricca di reperti archeologici. Infatti l'area di Sirolo-Numana fu fin dall'Età del Ferro un importante centro piceno; a partire dagli ultimi decenni del VI sec. a.C. divenne un attivo emporio, uno dei principali porti dell'Adriatico, dove affluivano ceramiche attiche in grande quantità. L'area archeologica si trova in località I Pini di Sirolo ed è l'unica nelle Marche in cui sia possibile visitare un settore di necropoli Picena. Nell'ambito del sepolcreto, è stata rinvenuta nel 1989 la cosiddetta "tomba della principessa di Sirolo", tumulata con 2 carri e ricchissimi corredi ascrivibili alla fine del VI sec. a.C.: è la più grande tomba gentilizia a circolo della necropoli, con 40 m di diametro e delimitata da un fossato largo 4 m. La visita al parco archeologico si completa con l’Antiquarium di Numana.Il Museo sito,dietro la piazza del comune,conserva corredi e materiali arcaici databili fra il VII e il III sec. a.C., rinvenuti durante gli scavi effettuati intorno agli anni '70 che portarono alla luce circa 300 tombe dislocate nella necropoli di Numana. Inoltre sono esposti vasi greci a figure nere, vasi attici a figure rosse e un mosaico del VI sec. d.C. diviso in riquadri e ornato da disegni geometrici. Si segnala una Testa di guerriero, scultura italica databile tra il VI e V secolo a.C.
La Riviera del Conero La Riviera del Conero La Riviera del Conero